Sei qui: Home » arte » Suggestioni letterarie

Suggestioni letterarie

Archiviato in Arte il 20 novembre 2012 - 1 commento

Coloro che sognano ad occhi aperti conoscono molte cose che sfuggono a quanti sognano solo dormendo. ( Eleonora)

La letteratura, si sa, fin dall’antichità ha ispirato pittori, disegnatori, scultori. Attraverso di loro, la nostra mente è riuscita meglio ad immaginare e comprendere la realtà descritta tra le pagine di romanzi e poesie; attraverso la loro opera l’uomo è riuscito a dare una forma a quell’immaginario, fisico o metafisico che fosse, celato dietro catene infinite di significanti e significati.

Ciò che spinse, e spinge tutt’oggi, questi artisti a fare loro quelle catene è la suggestione che un determinato racconto è capace di avere sul lettore. Leggendo, nella nostra mente si affollano immagini, scene, veri e propri cortometraggi: la vicenda da puramente letteraria diventa palpabile, reale.

Qualche giorno fa, girando senza meta dentro una libreria romana, mi è capitato di imbattermi in una singolare e particolarmente accattivante edizione de “Il corvo”, dell’amatissimo Edgar Allan Poe, edita da ASSONANZE. L’oggetto mi si presenta: copertina nera con scritte bianche, fatta di una carta rugosa al tatto; nella metà inferiore la figura di Poe. Al suo interno composto di una carta bianco splendente; al tatto, nonostante il suo candore, si rivela grezza, dura ma terribilmente piacevole.

La magia si palesa sin dalle prime pagine: ecco apparire davanti ai miei occhi delle eccezionali illustrazioni di Gustave Doré; ma queste sono solo l’antipasto. Quasi per non rovinare il gioco di suggestioni, ecco seguire il testo in verticale della composizione; in una impaginazione alquanto bislacca, abbiamo sulla sinistra il testo originale e sulla destra, quasi in un continuum data l’impaginazione, la traduzione di Mario Praz, grande studioso di letteratura straniera e detentore in passato di una cattedra di letteratura inglese alla Sapienza di Roma.

In questo eracliteo scorrere, a modo di fiume, del testo, è la suggestione a farla da padrone. Il lettore ha modo di giocare con la mente, di “disegnare”, correggere, cancellare, ricominciare; ha la libertà di credere, supporre, persino inventare. Ma ecco la sorpresa che rende questa edizione magnifica: i versi, in traduzione, accompagnati dalle illustrazioni di Doré.

È il trionfo della letteratura che prende forma sotto i nostri occhi in una maniera ancor più palese che nella nostra mente. Il metafisico diventa fisico e ci accompagna fino al concludersi dei versi dando forma ai nostri pensieri e alle nostre aspettative. Ma il bello sta nella libertà del lettore di interpretare spontaneamente la poesia, di immaginare ciò che voglia.

L’apparato di illustrazioni di Doré non toglie il piacere dell’immaginazione ma, magari, aiuta a palesare maggiormente un flusso di pensieri interminabili; è come scattare una foto, fermare l’attimo, immedesimarsi nei versi, fermando per un secondo quel “tutto scorre” che sembra non darci la possibilità di soffermarci sulla nostra immaginazione.

La terza parte di questo eccezionale volume è dedicata alla filosofia della composizione del corvo con una postfazione di Praz. Insomma, il naturale svolgersi del pensiero umano: dall’universo onirico al mondo reale, passando per una via di mezzo. Ma in fondo il sogno continua anche nella realtà, ad occhi aperti; a lettura conclusa, nonostante la critica, il sogno continua in questo che, a quanto dicono, è il modo reale.

Un commento a “Suggestioni letterarie”

Vuoi lasciare un commento a questo post? Scrivi quello che pensi su "Suggestioni letterarie".

  1. Matthew McLeodil 21 nov 2012 alle 09:39 1

    Bella edizione…ce l’ho in formato gigante edita dalla BUR.Capolavoro illustrativo di Doré!

Trackback URI | RSS commenti

Scrivi un commento