Sei qui: Home » articoli » Il cottage di Poe nel Bronx

Il cottage di Poe nel Bronx

Archiviato in Articoli il 19 novembre 2012 - 1 commento

Poe si trasferì da Manhattan nel 1846, assieme a sua moglie Virginia e alla suocera, in una piccola casa in legno costruita nel 1812 nelle vicinanze rurali di Fordham, nel Bronx. L’affitto era di 100 dollari, per quella modesta e isolata casa. Qui Poe scrisse Annabel Lee e Le campane.

Il cottage di Poe nel Bronx

In questa foto del 1920 viene riportato:

La vecchia casa di Edgar Allan Poe, che si trovava originariamente a Kingsbridge Road. Ora nel Poe Park. Restaurata e curata dalla Bronx Society of Arts and Science.

Poe non rimase a lungo in questa casa. Virginia morì di tubercolosi nel 1847 e lui stesso morì due anni dopo. La casa venne di nuovo affittata finché, nel 1905, l’assemblea legislativa dello Stato di New York stanziò dei fondi per preservarla come luogo storico.

Nel 1910 la casa fu spostata a Kingsbridge Road, arredata col mobilio originario, inclusi il letto e la sedia a dondolo di Poe.

Un commento a “Il cottage di Poe nel Bronx”

Vuoi lasciare un commento a questo post? Scrivi quello che pensi su "Il cottage di Poe nel Bronx".

  1. Matthew McLeodil 20 nov 2012 alle 15:20 1

    Colgo l’occasione per parlare di “The Raven” (il film con John Cusack)…A parte l’inevitabile poltiglia che ne esce fuori,tutto sommato è un’opera di fantasia che,se fosse stata esplorata in tutte le sue potenzialità,avrebbe guadagnato uno o 2 punti in più….Per finirla in breve,il film in sé in 2 ore scarse ha l’aria di non svolgersi in modo adeguato…La parte migliore è quella iniziale,dove i due protagonisti(intendo Poe e Miss Hamilton)colorano un pò la scena(con una menzione particolare per Alice Eve),dopodiché,con la scusa del giallo,la trama si sbriciola(opinione personale) pian piano….(Quasi)piacevole per un neofita,carino per un fan,non sufficiente per un intenditore dell’arte di Poe.A parte questo,a Dicembre mi inoltrerò nei meandri americani sperando di non fare più ritorno in questo triste e desolato Paese…Auguri al cottage per la sua integra conservazione :)

Trackback URI | RSS commenti

Scrivi un commento