Sei qui: Home » articoli » La casa di Poe a Baltimora danneggiata

La casa di Poe a Baltimora danneggiata

Archiviato in Articoli il 17 dicembre 2012 - 3 commenti

È accaduto lo scorso novembre, nella casa in cui abitò Poe a Baltimora e che ora è diventata un museo, chiuso dopo gravi problemi finanziari, sono state rinvenute scritte fatte con un pennarello sulla porta e la scaletta in legno è stata rubata. Le parti rovinate dai graffiti sono state ridipinte e i funzionari della città hanno garantito maggior sicurezza per l’edificio.

La paura è che la casa di Poe – che ormai ha 200 anni – durante questa fase di transizione tra chiusura e riapertura nel 2013 possa deteriorarsi senza una giusta e adeguata supervisione. Mark Redfield, membro del consiglio di amministrazione del museo, è seriamente preoccupato. «Se questo non è un male per la città di Baltimora, per chi deve esserlo?», si chiede.

Le scalette scomparvero già alcuni giorni dopo la chiusura del museo e si attenderà la sua riapertura per rimpiazzarle. Le scritte, invece, sono più recenti.

Le scritte vandaliche sulla porta

La casa di Poe a Baltimora danneggiata

La porta ridipinta e la scaletta mancante

La casa di Poe a Baltimora danneggiata

Fonte immagini

3 commenti a “La casa di Poe a Baltimora danneggiata”

Vuoi lasciare un commento a questo post? Scrivi quello che pensi su "La casa di Poe a Baltimora danneggiata".

  1. Francesco Galloil 18 dic 2012 alle 07:02 1

    E’ a dir poco vergognosa la chiusura di un pezzo di storia di Baltimora e dell’intera letteratura americana e mondiale, ma ancor più vergognosa è l’ignoranza dei vandali che hanno danneggiato l’abitazione.
    E’ proprio vero, la madre degli idioti è sempre incinta.

  2. Matthew McLeodil 18 dic 2012 alle 08:50 2

    “NEVERMORE!”

  3. Giuseppeil 22 set 2013 alle 11:04 3

    viviamo in un mondo di incivili; e questo spiega tutto e non c’è da sorprendersi. ma la domanda è questa: sono più incivili i vandali o coloro che sono in potere di evitare lo scempio?

Trackback URI | RSS commenti

Scrivi un commento